Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia
E-learning
Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia
Aggiornamenti sul Diritto di Famiglia
Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia
Giurisprudenza
Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia
Dottrina
Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia
Legislazione

Osservatorio nazionale sul diritto di famiglia

Ha come obiettivi la ricerca e lo studio dell'evoluzione e delle tendenze del diritto di famiglia, nonché la promozione di iniziative di studio, confronto, dibattito, formazione e aggiornamento professionale.

Ha un proprio statuto, una rivista quadrimestrale (Osservatorio sul diritto di famiglia), una newsletter settimanale, un proprio programma formativo, un Comitato direttivo e un coordinamento nazionale del quale fanno parte i presidenti delle sezioni territoriali, una Scuola Centrale di formazione. Riunisce i propri associati in periodici incontri formativi territoriali e in un forum nazionale all'anno.

Per l'iscrizione all'associazione gli interessati possono prendere contatto direttamente con il presidente della sezione che fornirà anche tutte le informazioni sulle iniziative locali e sull'associazione.

venerdì, 11 settembre 2020
Recensioni - segnalazioni

E. Al Mureden - R. Rovatti. Gli assegni di mantenimento tra disciplina legale e intelligenza artificiale

copertina e indice per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

A cinquant’anni dall’introduzione del divorzio il problema della quantificazione degli obblighi di mantenimento nei confronti dell’ex coniuge e dei figli continua a rivestire una fondamentale rilevanza ed a presentare significative criticità soprattutto con riferimento alla prevedibilità ed alla calcolabilità degli esiti delle decisioni.

Il volume, muovendo dalla ricostruzione del “diritto vivente” consolidatosi negli orientamenti giurisprudenziali, compendia tutti i sistemi di calcolo del panorama nazionale, per la prima volta illustrati e posti a confronto nell’ottica di promuovere un dialogo interdisciplinare che veda nella crescente flessibilità e inclinazione verso metodi di induzione di regole dai dati – nello stile delle moderne tecniche di intelligenza artificiale – l’occasione per dar vita ad uno strumento che, in sinergia con la disciplina positiva e la giurisprudenza, conduca ad individuare criteri di distribuzione della ricchezza capaci di garantire un più elevato livello di obiettività e prevedibilità.

Focus on