inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

L’affidamento del minore ai servizi sociali deve essere preceduto dalla nomina del curatore speciale - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 29 novembre 2023, n. 33185

Cass. Civ., Sez. I, Ord., 29 novembre 2023, n. 33185; Pres. Genovese, Rel. Cons. Caiazzo per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

In tema di procedimenti per la regolamentazione dell'esercizio della responsabilità genitoriale, l'emersione nel giudizio di comportamenti dei genitori pregiudizievoli al figlio, rilevanti ex art. 333 c.c., pone in capo al giudice il dovere di nominare un curatore speciale al minore, in ragione del sopravvenuto conflitto di interessi con i genitori, la cui inottemperanza determina la nullità del giudizio di impugnazione e, in sede di legittimità, la cassazione con rinvio alla Corte d'appello, dovendo escludersi il rinvio al primo giudice, perchè contrario al principio fondamentale della ragionevole durata del processo (espresso dall'art. 111 Cost., comma 2, e dall'art. 6 CEDU), di particolare rilievo per i procedimenti riguardanti i minori, e comunque precluso dalla natura tassativa delle ipotesi di cui agli artt. 353, 354 e 383 c.p.c., comma 3.


Minori – Responsabilità genitoriale – Affidamento ai servizi sociali – Nomina curatore speciale del minore; Rif. Leg. Art. 337 ter c.c., comma 1, Art. 8 CEDU, L. n. 184 del 1983, artt. 1, 4, comma 3.

autore: Ferrandi Francesca