Ammessa la rettifica dell'atto di nascita del figlio, nato da due uomini, da parte del genitore

Ammessa la rettifica dell'atto di nascita del figlio, nato da due uomini, da parte del genitore "intenzionale" - Corte Appello Bari, Sez. Min. Fam., 9 ottobre 2020

Si ringrazia l'avv. Michela Labriola per la segnalazione del provvedimento

Corte di Appello Bari, Sez. Min. Fam., 9 ottobre 2020; Pres. Labellarte, Rel. Capasso per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

È ammessa la rettifica, presso il Comune di residenza del padre biologico, dell’atto di nascita di due minori, nati a seguito di procreazione medialmente assistita attraverso gestazione per altri, con l’indicazione del padre quale ulteriore genitore “intenzionale”. Ancorché, di recente, le SS.UU. abbiano ripreso il concetto di ordine pubblico interno in relazione a quello internazionale per escludere l’ammissibilità della trascrizione in Italia dell’atto di nascita formatosi all’estero di un minore figlio di due uomini, il bilanciamento che il giudice deve compiere è sempre, nel principale interesse del minore, quello tra il diritto del minore all’identità personale e le norme pubblicistiche che sanzionano la pratica della procreazione per altri. Peraltro, la Corte barese sostiene come non sia condivisibile la possibile preferenza, proposta da alcuni provvedimenti di merito e di legittimità, dell’adozione del minore in casi particolari ai sensi dell’art.44 lett. d) L. 184/1983, in quanto, benché ciò tuteli il minore nel suo diritto alla vita familiare, tuttavia non contribuisce ad una piena legittimazione del suo status filiationis come, invece, avviene   nell’ipotesi di trascrizione dell’atto di nascita formatosi all’estero.

Focus on