inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

Assegno di mantenimento in favore del coniuge: l’accertamento del tenore di vita va rapportato alle condizioni reddituali, economiche e patrimoniali delle parti al momento della separazione. Cass. Civ., Sez. I, Ord. 24 aprile 2024, n. 11146

Cass. Sez. I Est. Reggiani, ord. 24.04.24 n.11146 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Ai fini della determinazione dell'assegno di mantenimento in favore del coniuge, il tenore di vita goduto dalle parti in costanza di convivenza va rapportato alle condizioni reddituali e patrimoniali esistenti al momento della separazione e tale accertamento va condotto considerando non solo il reddito emergente dalla documentazione fiscale prodotta, ma anche gli altri elementi di ordine economico, o comunque apprezzabili in termini economici, diversi dal reddito suscettibili di incidere sulle condizioni delle parti, quali la disponibilità di un consistente patrimonio, anche mobiliare, e la conduzione di uno stile di vita particolarmente agiato e lussuoso

Conf. ex multis Cass., Sez. I, Sentenza n. 9915 del 24.04.2007; Cass., Sez. I, Ordinanza n. 22616 del 19.07.2022

Rif. Leg. Art. 156 c.c.

Assegno di mantenimento del coniuge – Mantenimento del tenore di vita – Condizioni reddituali, economiche e patrimoniali delle parti

Nel rigettare il ricorso promosso avverso la sentenza della Corte d’Appello che aveva ripristinato l’assegno di mantenimento in favore della moglie, la Corte di Cassazione ritorna nuovamente sul concetto del medesimo tenore di vita, quale criterio per il riconoscimento del contributo in favore del coniuge economicamente debole, insistendo sulla valutazione delle condizioni economico-patrimoniali dei coniugi durante la convivenza e successive alla separazione: al riguardo anche l'attitudine dei coniugi al lavoro proficuo costituisce elemento valutabile ai fini della determinazione della misura dell'assegno di mantenimento, ma l’accertamento non può essere limitato al solo mancato svolgimento di tale attività e vanno escluse mere valutazioni astratte e ipotetiche (Cass., Sez. I, Ordinanza n. 24049 del 06.09.2021).

Nel caso concreto, la Corte territoriale, dopo avere esaminato le risultanze processuali, ha correttamente valutato gli elementi di prova relativi al periodo di convivenza dei coniugi, così acquisendo elementi per ricostruire il tenore di vita matrimoniale da rapportare alla situazione delle parti successiva alla separazione, dando rilievo al lungo periodo durante il quale la moglie è rimasta a casa per accudire la famiglia.

Le generiche deduzioni del ricorrente in ordine alla relazione sentimentale e alla convivenza della moglie, in difetto di specifiche allegazioni di fatti impeditivi del diritto all’assegno di mantenimento, rendono la relativa censura inammissibile, né consentono di prospettare la decisività dei fatti di cui si lamenta l'omesso esame.

autore: Fossati Cesare