inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

Valida la notifica del decreto di citazione a giudizio via PEC al difensore - Cass. Pen., Sez. VI, sent. 2 maggio 2024 n. 17517

Cass. Pen., Sez. VI, sentenza 2 maggio 2024 n. 17517 - Pres. Criscuola, Cons. Rel. Villona per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Inammissibile il ricorso dell’insegnante, imputata per il delitto di maltrattamenti in danno di tre alunni della sua classe, adducendo la mancanza assoluta di citazione a comparire nel giudizio di appello notificato via PEC al difensore e non al domicilio dichiarato dall'imputata.
La nullità conseguente alla notifica all'imputato del decreto di citazione a giudizio presso lo studio del difensore di fiducia anziché presso il domicilio dichiarato è di ordine generale a regime intermedio in quanto detta notifica, seppur irritualmente eseguita, non è inidonea a determinare la conoscenza dell'atto da parte dell'imputato, in considerazione del rapporto fiduciario che lo lega al difensore.
 
Diritto penale - Maltrattamenti - Abuso di mezzi di correzione – Notifica del decreto di citazione a giudizio -  Rif. Leg. artt. 61 n. 11 – quinquies, 571, 572 e 582cod. pen.; artt. 178, 179, 180, 182 e 183 cod. proc. pen.

autore: Cianciolo Valeria