Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • mercoledì 12 novembre 2003

    La concessione di usufrutto a titolo di mantenimento divorzile costituisce valido presupposto per il diritto alla pensione di reversibilità. - Cass. sez. I, 12 novembre 2003, n. 17018

    - Presupposti e decorrenza -
    Qualora per decisione del tribunale, o per accordo dei divorziandi, sottoposto dal tribunale a necessaria verifica, sia stata determinata una forma di assegno di divorzio la cui erogazione non abbia a cessare per il decesso dell’obbligato (nella specie usufrutto su un immobile donato alla figlia nata dal matrimonio) nondimeno deve ritenersi soddisfatto il requisito della previa titolarità di assegno di cui all’articolo 5 della legge sul divorzio, per l’accesso alla pensione di reversibilità o, in concorso con il superstite, alla sua ripartizione, tale permanente erogazione non rilevando in alcun modo sull’an debeatur del credito ma solo sulla misura della quota.