La decisione di revisione dell'assegno divorzile decorre 

dalla domanda e non ha natura retroattiva. - Cass. sez. I, 22 maggio 2009, n. 11913

La decisione di revisione dell'assegno divorzile decorre dalla domanda e non ha natura retroattiva. - Cass. sez. I, 22 maggio 2009, n. 11913

- Decorrenza della decisione -
In materia di revisione dell'assegno di divorzio, il diritto a percepirlo di un coniuge ed il corrispondente obbligo a versarlo dell'altro, nella misura e nei modi stabiliti dalla sentenza di divorzio, conservano la loro efficacia, sino a quando non intervenga la modifica di tale provvedimento, rimanendo del tutto ininfluente il momento in cui di fatto sono maturati i presupposti per la modificazione o la soppressione dell'assegno, con la conseguenza che, in mancanza di specifiche disposizioni, in base ai principi generali relativi all'autorità, intangibilità e stabilità, per quanto temporalmente limitata ("rebus sic stantibus"), del precedente giudicato impositivo del contributo di mantenimento, la decisione giurisdizionale di revisione non può avere decorrenza anticipata al momento dell'accadimento innovativo, rispetto alla data della domanda di modificazione.

Focus on