Cass. Pen., Sez. III, sent. 16 aprile 2021 n. 14234 - E’ violenza sessuale qualsiasi atto idoneo a soddisfare il piacere sessuale

Cass. Pen., Sez. III, sent. 16 aprile 2021 n. 14234 - E’ violenza sessuale qualsiasi atto idoneo a soddisfare il piacere sessuale

sabato, 17 aprile 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Violenza
Cass. Pen., Sez. III, sent. 16 aprile 2021 n. 14234 – Pres. Ramacci, Cons. Rel. Aceto per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La prevedibilità della successiva irreperibilità del teste in fase dibattimentale deve essere valutata dal giudice "ex ante" e, quindi, con riferimento alle circostanze note o conoscibili secondo un criterio di ragionevolezza. La mera condizione di cittadino extracomunitario privo del permesso di soggiorno non è sufficiente, di per sé, a rendere prevedibile il suo allontanamento dal territorio nazionale e l'assenza dal dibattimento, sicché nei casi di impossibilità sopravvenuta di ripetizione può darsi lettura delle dichiarazioni rese alla polizia giudiziaria durante le indagini preliminari. In tema di reati sessuali, ai fini dell'integrazione dell'elemento soggettivo del reato di violenza sessuale, non è necessario che la condotta sia finalizzata a soddisfare il piacere sessuale dell'agente, in quanto è sufficiente che questi sia consapevole della natura oggettivamente sessuale dell'atto posto in essere volontariamente, ossia della sua idoneità a soddisfare il piacere sessuale o a suscitarne lo stimolo, mentre l'eventuale concorrente finalità ingiuriosa o minacciosa dell'agente non esclude la connotazione sessuale dell'azione. 

Delitti contro la libertà individuale - Violenza sessuale - Finalizzazione al soddisfacimento dell'agente – Rif. Leg. art. 609 cod. pen.

Focus on