Il benessere della minore richiede la ripresa degli incontri. Corte d'Appello di Bari, 3 giugno 2020

Il benessere della minore richiede la ripresa degli incontri. Corte d'Appello di Bari, 3 giugno 2020

sabato, 20 giugno 2020
Giurisprudenza | Violenza | Minori | Circolazione e residenza | Merito
sezione di Bari
Corte d'Appello di Bari, Sez. Famiglia, Est. Labellarte, decreto 3.06.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il provvedimento della Corte territoriale barese si caratterizza da un lato per l'adozione di misure organizzative degli incontri tra figlia minore e padre in vista della ripresa degli spostamenti transregionali, dall'altro per il rilievo che l'indagine condotta dalla CTU ha avuto su detta nuova organizzazione, in un contesto di iniziale restrizione degli incontri che erano riservati in luogo neutro.

Il Giudice adito in via d'urgenza recepisce l'indicazione del CTU introducendo una graduale libertà degli incontri ad onta della intervenuta pronuncia di condanna in appello (confermativa della sentenza di prima grado) per maltrattamenti e lesioni attuate dal padre sulla madre della minore, alcune alla presenza della stessa, compiendo una sostanziale valutazione dell'incidenza di tali condotte sul benessere psico fisico della minore in rapporto al diritto della minore a mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori, per giungere ad una ripresa graduale  della relazione padre - figlia al di fuori del controllo e dell’osservazione  degli operatori.


Massima a cura di Marilena Lanzellotto, responsabile Ondif regione Puglia

Focus on