Per offrire il miglior servizio possibile il presente sito fa uso di cookies, anche di terze parti. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies.
Leggi la Privacy e cookie policy OK
  • giovedì 18 aprile 2019

    Violenza privata e non lesioni nei confronti della ex moglie e del figlio, qualora vengano rinchiusi in casa dal marito e padre. Cass.Pen. del 9 aprile 2019 n. 15658

    Preso atto dell'intento inequivoco dell'imputato di tenere la ex-moglie e i figli minorenni, contro la loro volontà, richiusi nella abitazione coniugale, tanto che solo la fuga della persona offesa l'allarme dato ai carabinieri e l'intervento delle forze dell'ordine riuscivano a far sì che questi consegnasse le chiavi per consentire al suo nucleo familiare di uscirne liberamente, la Corte esclude che al caso concreto si possa applicare la speciale tenuità del fatto ex art 131 bis c.p. come invece richiesto dal ricorrente. Inoltre la Corte di Cassazione ribadisce nel caso che non si possa emettere un giudizio sulla tenuità e pertanto il ricorso è dichiarato inammissibile.