inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

Successione. Assicurazione sulla vita e collazione - Tribunale Frosinone, sent. 6 settembre 2023 n. 895

Lunedì, 12 Febbraio 2024
Giurisprudenza | Merito | Successioni Sezione Ondif di Frosinone
Tribunale Frosinone, sentenza 6 settembre 2023 n. 895 – Giudice Bisogno per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Nel contratto di assicurazione per il caso di morte, il beneficiario designato acquista, ai sensi dell'art. 1920, comma 3, c. c., un diritto proprio che trova la sua fonte nel contratto e che non entra a far parte del patrimonio ereditario del soggetto stipulante e non può, quindi, essere oggetto delle sue (eventuali) disposizioni testamentarie né di devoluzione agli eredi secondo le regole della successione legittima; sicché la designazione dei terzi beneficiari del contratto, mediante il riferimento alla categoria degli eredi legittimi o testamentari, non vale ad assoggettare il rapporto alle regole della successione ereditaria, trattandosi di una mera indicazione del criterio per la individuazione dei beneficiari medesimi in funzione della loro astratta appartenenza alla categoria dei successori indicata nel contratto, in modo che qualora i beneficiari siano individuati, come nella specie, negli eredi legittimi, gli stessi sono da identificarsi con coloro che, in linea teorica e con riferimento alla qualità esistente al momento della morte dello stipulante, siano i successibili per legge, indipendentemente dalla loro effettiva chiamata all'eredità.
Ai sensi dell'art. 741 c.c. soggiacciono a collazione anche le assegnazioni fatte dal defunto in favore dei discendenti per pagare premi di contratti di assicurazione sulla vita in loro favore.
 
Successione – Assicurazione sulla vita - Collazione – Rif. Leg. artt. 457, 566, 581, 585, 737, 746, 1920 cod. civ.

autore: Cianciolo Valeria