inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

L’atto di cessione non ha efficacia obbligatoria se riguarda diritti su singoli beni - Cass. Civ., Sez. II, ord. 8 luglio 2024 n. 18548

Lunedì, 8 Luglio 2024
Giurisprudenza | Legittimità | Successioni
Cass. Civ., Sez. II, ordinanza 8 luglio 2024 n. 18548 - Pres. Di Virgilio, Cons. Rel. Criscuolo	 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

In tema di divisione ereditaria, la cessione a terzi estranei di diritti su singoli beni immobili ereditari non comporta lo scioglimento - neppure parziale - della comunione, in quanto i diritti continuano a fare parte della stessa comunione, restando l'acquisto del terzo subordinato all'avveramento della condizione che essi siano in sede di divisione assegnati all'erede che li abbia ceduti. Ne consegue che, se un coerede può alienare a terzi in tutto o in parte la propria quota, tanto produce effetti reali se e in quanto l'acquirente venga immesso nella comunione ereditaria, mentre, in caso diverso, la vendita avrà soltanto effetti obbligatori.
Viceversa, nel caso di vendita da parte di uno dei coeredi di bene ereditario che costituisce l'intera massa, l'effetto traslativo dell'alienazione non resta subordinato all'assegnazione in sede di divisione della quota all'erede alienante, dal momento che costui è proprietario esclusivo della frazione ideale di cui può liberamente disporre, sicché il compratore subentra, "pro quota", nella comproprietà del bene comune.
L’indagine del giudice di merito diretta ad accertare, ai fini dell'ammissibilità del retratto successorio, se la vendita compiuta da un coerede abbia avuto per oggetto la quota ereditaria (o una sua frazione) ovvero beni determinati, costituisce un apprezzamento di fatto, incensurabile in sede di legittimità se sorretta da motivazione immune da vizi logici e giuridici.


Successione - Divisione ereditaria - Operazioni divisionali - Retratto successorio - In genere - Vendita di quota ereditaria o di singolo bene - Distinzione - Accertamento relativo da parte del giudice di merito - Rif. Leg. art. 720 cod. civ.

 

 

editor: Cianciolo Valeria