inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

Oggetto e funzione della collazione - Tribunale Torino, Sez. II, sent. 3 aprile 2023 n. 1488

Lunedì, 24 Luglio 2023
Giurisprudenza | Merito | Successioni Sezione Ondif di Torino
Tribunale Torino, Sez. II, sentenza 3 aprile 2023 n. 1488 - Giudice Moroni per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

In materia di successione mortis causa, l'istituto della collazione, disciplinato agli artt. 737 e ss. c.c., ha funzione di mantenere, tra i discendenti e il coniuge del de cuius chiamati a succedergli, la proporzione nei rispettivi diritti successori stabilita dal testamento o dalla legge.
Si presume, infatti, che disponendo di parte del proprio patrimonio con atti liberali in favore dei discendenti o del coniuge il donante non abbia inteso alterare il trattamento che agli stessi verrebbe riservato in sede di successione, in forza di disposizioni testamentarie o (in mancanza di testamento) per legge. Le donazioni effettuate in vita dal de cuius in favore dei soggetti di cui all'art. 737 c.c. si intendono quali anticipazioni della futura successione, così che i beni donati debbano essere compresi o conferiti nella massa attiva del patrimonio ereditario, per essere divisi tra i coeredi in proporzione alle quote spettanti a ciascuno.

 
Successione – Collazione – Funzione – Rif. Leg. art. 737 e ss. cod. civ.

autore: Cianciolo Valeria