Assegno divorzile. Il criterio dell’autosufficienza non può esaurire l’accertamento che il giudice è tenuto a fare - Cass. Civ., Sez. I, ord. 23 novembre 2021 n. 36089

Assegno divorzile. Il criterio dell’autosufficienza non può esaurire l’accertamento che il giudice è tenuto a fare - Cass. Civ., Sez. I, ord. 23 novembre 2021 n. 36089

martedì, 23 novembre 2021
Giurisprudenza | Divorzio | Legittimità
Cass. Civ., Sez. I, ord. 23 novembre 2021 n. 36089 – Pres. Acierno, Cons. Rel. Falabella per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Errata la sentenza di appello che avrebbe proceduto alla radicale riduzione dell’assegno attribuendo rilievo preminente a considerazioni che attengono al diverso e autonomo profilo dell’indipendenza e autosufficienza economica quantificando la misura dello stesso sulla base di un criterio che secondo la lettera e la ratio dell’art. 5 L. div., non rientrerebbe tra quelli da assumersi a parametro di riferimento nella determinazione dell’importo che un coniuge deve erogare all’altro periodicamente.

Divorzio –Assegno divorzile - Criterio assistenziale – Rif. Leg. art. 5 Legge 1 dicembre 1970 n. 898

Focus on