Divorzio fra stranieri e scelta della legge applicabile - Tribunale di Siena 22 giugno 2021

Divorzio fra stranieri e scelta della legge applicabile - Tribunale di Siena 22 giugno 2021

venerdì, 3 settembre 2021
Giurisprudenza | Giurisdizione e competenza | Divorzio | Affidamento dei figli | Merito
Sezione Ondif di Siena
Tribunale  di Siena, Sez. I, Est. Lisi, sentenza 22.06.2021 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Gli stranieri residenti in Italia possono chiedere l’applicazione di legge diversa dal diritto interno, purché si tratti di: 1) legge dello Stato della residenza abituale dei coniugi al momento della conclusione dell'accordo; 2) legge dello Stato dell'ultima residenza abituale dei coniugi se uno di essi vi risiede ancora al momento della conclusione dell'accordo; 3) legge dello Stato di cui uno dei coniugi ha la cittadinanza al momento della conclusione dell'accordo;

I ricorrenti chiedevano l'applicazione della legge del Marocco del 2003 - c.d. Moudawana- che prevede la possibilità per i coniugi di ottenere direttamente il divorzio.

Quanto alle condizioni relative all’affidamento dei figli, la legge straniera può trovare applicazione, purché non sia contraria a norme imperative o all'ordine pubblico interno: gli artt. 171 e 180 della legge marocchina contrastano con i principi di ordine pubblico interno con specifico riguardo al modello di affidamento "super-esclusivo" ivi prescritto in favore di uno dei genitori, in primo luogo della madre, con divieto di pernottamento presso il padre e responsabilità genitoriale rimessa in capo all'esercente la c.d. hadana (custodia).

Gli accordi sul punto vanno perciò modificati prevedendosi un affidamento condiviso.



Rif. Leg.: art. 3, comma 1, lett. A Regolamento CE n. 2201/2003 - art. 5, lett. c del Regolamento UE 1259/2010

Focus on