Affido esclusivo su richiesta congiunta solo se vi è prova del pregiudizio che il condiviso comporterebbe ai figli. Tribunale di Lecce, 7 aprile 2021

Affido esclusivo su richiesta congiunta solo se vi è prova del pregiudizio che il condiviso comporterebbe ai figli. Tribunale di Lecce, 7 aprile 2021

lunedì, 12 aprile 2021
Giurisprudenza | Affidamento dei figli | Accordi di separazione e di divorzio | Merito
Sezione Ondif di Lecce
Tribunale di Lecce, decreto omologa 7.04.21 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi
Tribunale di Lecce, 7.04.21 massima per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il Tribunale di Lecce, con decreto del 07.04.2021, omologa la separazione consensuale ritenendo meritevole di accoglimento la richiesta congiunta delle parti di “affido esclusivo” dei due figli minori della coppia alla sola madre.

Il Tribunale inoltre, date le precarie condizioni economiche del padre affetto da oltre 10 anni da dipendenza alcolica, ha ritenuto inoltre di accogliere la richiesta congiunta di disporre a carico dello stesso un assegno di mantenimento a favore dei figli in misura inferiore rispetto all’importo minimo stabilito nel protocollo adottato dallo stesso Tribunale.

Nel ricorso congiunto le parti avevano chiesto l’affido esclusivo dei minori alla madre sul presupposto che le gravi condizioni di salute dettate dalla dipendenza alcolica e l’imminente ricovero del padre presso un centro di riabilitazione avrebbe di fatto limitato la possibilità di una gestione condivisa delle responsabilità genitoriali con grave pregiudizio per i minori.

Le parti poi avevano allegato anche adeguata documentazione medica e attestato la richiesta di ricovero del padre presso una struttura sanitaria.

Al Tribunale dunque erano state fornite in concreto tutte le argomentazioni e le prove tali da giustificare appunto la richiesta congiunta di deroga all’affido condiviso, pur consapevoli dell’inammissibilità della rinuncia a tale tipo di affidamento.

Le esigenze dei figli minori però, da troppo tempo vittime di una realtà familiare difficile, imponevano una tale richiesta, che il Tribunale di Lecce ha ritenuto di accogliere solo dopo attenta disamina delle prove fornite dalle parti, riconoscendo il pregiudizio per i due ragazzi e preferendo di fatto l’affido esclusivo.



Avv. Laura Manta, componente consiglio direttivo ONDIF-Lecce



Focus on