- Cass. sez. I, 3 agosto 2007, n. 17043

- Cass. sez. I, 3 agosto 2007, n. 17043

venerdì, 3 agosto 2007
Giurisprudenza | Affidamento dei figli | Legittimità

Il principio pubblicistico che attribuisce al giudice il potere di disporre d'ufficio mezzi di prova nelle questioni concernenti l'affidamento dei figli costituisce una deroga ai principi in materia di onere della prova

L'art. 6, comma 9, legge 898/1970, come l'art. 155, comma settimo, cc in materia di separazione, disponendo che i provvedimenti relativi all'affidamento dei figli ed al contributo per il loro mantenimento "possono essere diversi rispetto alle domande delle parti o al loro accordo, ed emessi dopo l'assunzione di mezzi di prova dedotti dalle parti o disposti d'ufficio dal giudice", opera una deroga alle regole generali sull'onere della prova, attribuendo al giudice poteri istruttori di ufficio per finalità di natura pubblicistica, con la conseguenza che le domande delle parti non possono essere respinte sotto il profilo della mancata dimostrazione degli assunti sui quali si fondano e che i provvedimenti da emettere devono essere ancorati ad una adeguata verifica delle condizioni patrimoniali dei genitori e delle esigenze di vita dei figli esperibile anche d'ufficio.

Focus on