inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

Niente rinnovo del permesso di soggiorno per lo straniero condannato per reati commessi contro la sua stessa famiglia - TAR Veneto, Sent., 11 novembre 2022


Si ringrazia l’avv. Barbara Lanza, Responsabile regionale Ondif Veneto, per la segnalazione del provvedimento

Lunedì, 27 Marzo 2023
Giurisprudenza | Stranieri | Giurisprudenza Amministrativa | Merito Sezione Ondif di Verona
TAR Veneto, Sent., 11 novembre 2022; Pres. A Farina, Est. P. Nidini per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La formazione di una famiglia sul territorio italiano non può costituire una garanzia di immunità dal rischio di revoca o diniego di rinnovo del permesso di soggiorno, ossia del titolo in base al quale lo straniero può trattenersi sul territorio italiano.
Peraltro, in casi speciali e situazioni peculiari, che eventualmente espongano i figli minori del reo a imminente e serio pregiudizio, l’ordinamento - ferma la valutazione amministrativa in punto di pericolosità e diniego di uno stabile titolo di soggiorno - offre, in via eccezionale, e a precipua tutela dei minori, uno specifico strumento di tutela, affidato al giudice specializzato dei minori. In forza del disposto dell’art. 31, comma 3, del TU immigrazione, infatti «il Tribunale peri minorenni, per gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico e tenuto conto dell’età e delle condizioni di salute del minore che si trova nel territorio italiano, può autorizzare l’ingresso o la permanenza del familiare, per un periodo di tempo determinato, anche in deroga alle altre disposizioni della presente legge». (Nella fattispecie concreta, è pacifico e documentale che il ricorrente abbia subito una condanna penale per un reato grave con una condanna divenuta definitiva nel 2018, per un fatto del 2015, afferente ai rapporti con la di lui famiglia cui è seguita anche la decadenza dalla responsabilità genitoriale).



Giurisprudenza amministrativa – Stranieri – Permesso di soggiorno – Diniego; Rif. Leg. D.lgs. n. 286 del 1998

editor: Ferrandi Francesca