Su richiesta del minore è possibile il trasferimento presso la residenza paterna. Trib. di Campobasso, 20 agosto 2020, n. 93. Est. Dott.Roberta D'Onofrio

Su richiesta del minore è possibile il trasferimento presso la residenza paterna. Trib. di Campobasso, 20 agosto 2020, n. 93. Est. Dott.Roberta D'Onofrio

Si ringrazia la Collega Giuseppina Cennamo, Presidente Ondif Campobasso, per la cortese segnalazione del provvedimento.

Il minore, nel corso di causa per la modifica delle condizioni di divorzio dei propri genitori, manifesta la volontà di trasferirsi dal padre presso il quale di fatto detiene già un domicilio da tempo e presso il quale ha frequentato la scuola nell'ultimo anno. Il minore spiega di essersi trovato bene a Campobasso presso l'abitazione del padre, insieme ai familiari di lui e di avere fatto numerose nuove amicizie. Nell'interesse del minore il giudice pertanto accoglie il ricorso del padre e modifica la collocazione del ragazzo presso l'abitazione dello stesso, mantenendo il regime di affidamento condiviso, e predisponendo un contributo al mantenimento del giovane da parte del genitore non collocatario pari ad € 250,00.= mensile oltre la metà delle spese straordinaire.

giovedì, 20 agosto 2020
Giurisprudenza | Affidamento dei figli | Merito
sezione di Campobasso
Tribunale di Campobasso, 20 agosto 2020, n. 93. Est. Dott.Roberta D'Onofrio per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Si ringrazia la Collega Giuseppina Cennamo, Presidente Ondif Campobasso, per la cortese segnalazione del provvedimento.

Il minore, nel corso di causa per la modifica delle condizioni di divorzio dei propri genitori, manifesta la volontà di trasferirsi dal padre presso il quale di fatto detiene già un domicilio da tempo e presso il quale ha frequentato la scuola nell'ultimo anno. Il minore spiega di essersi trovato bene a Campobasso presso l'abitazione del padre, insieme ai familiari di lui e di avere fatto numerose nuove amicizie. Nell'interesse del minore il giudice pertanto accoglie il ricorso del padre e modifica la collocazione del ragazzo presso l'abitazione dello stesso, mantenendo il regime di affidamento condiviso, e predisponendo un contributo al mantenimento del giovane da parte del genitore non collocatario pari ad € 250,00.= mensile oltre la metà delle spese straordinaire.

Focus on