Le misure accessorie derivanti dalla condanna per atto sessuale con minorenne. Tribunale di Lecce, Sez. Pen., 19 marzo 2019

Le misure accessorie derivanti dalla condanna per atto sessuale con minorenne. Tribunale di Lecce, Sez. Pen., 19 marzo 2019

martedì, 14 gennaio 2020
Giurisprudenza | Diritto penale della famiglia | Merito
sezione di Lecce
Tribunale di Lecce, Sez. Pen., 19 marzo 2019 – Pres. Perna, Giud. Est. Torelli per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi
Le misure accessorie derivanti dalla condanna per atto sessuale con minorenne. Nota a Tribunale di Lecce, Sez. Pen., 19 marzo 2019 di Valeria Cianciolo per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il bene giuridico del reato di atti sessuali con minorenne non è la libertà di autodeterminazione dello stesso, non potendo egli esprimere alcun consenso, ma l'integrità fisico-psichica del medesimo nella prospettiva di un corretto sviluppo della propria sessualità.

Considerando il rispetto dovuto alla persona umana e l'attitudine dei comportamenti illeciti ad offendere la libertà di autodeterminazione del soggetto passivo, deve ritenersi idoneo a configurare il reato un comportamento consistente nel palpeggiamento dei glutei della persona offesa, accompagnato dall'esibizione del pene.

Focus on