Il reato di stalking si concretizza in una serie di condotte che quanto alla valutazioni delle conseguenze pregiudizievoli, legittimano la richiesta del danno non patrimoniale. Tribunale di Alessandria, sentenza 11 giugno 2019

Il reato di stalking si concretizza in una serie di condotte che quanto alla valutazioni delle conseguenze pregiudizievoli, legittimano la richiesta del danno non patrimoniale. Tribunale di Alessandria, sentenza 11 giugno 2019

martedì, 11 giugno 2019
Giurisprudenza | Diritto penale della famiglia | Merito
sezione di Alessandria
Tribunale di Alessandria, sentenza 11 giugno 2019 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

I criteri orientativi per stabilire l'entità del danno sono: la durata delle condotte persecutorie che nel caso di specie, sono stae reiterate per sette mesi; l'intensità e la varietà delle condotte (appostamenti, moltissime telefonate, minaccia di divulgare foto intime al marito); le caratteristiche della vittima (sposata, con due figlie); la conferma solo generica dei testi del danno riportato dalla vittima; l'assenza di qualsivoglia perizia inerente il grave disagio psichico della vittima, disagio comunque ricavabile dalle nozioni di comune esperienza, la già riconosciuta "non eclatante portata lesiva delle condotte di molesta invasività."


Focus on