inserisci una o più parole da cercare nel sito
ricerca avanzata - azzera

Nell'azione di disconoscimento della paternità è sufficiente la prova genetica senza dover dimostrare anche l'adulterio della moglie. - Cassazione, sezione I, 24 gennaio 2007, n. 1610

Mercoledì, 24 Gennaio 2007
Giurisprudenza | Filiazione | Filiazione

- Disconoscimento -
Come ha stabilito la Corte costituzionale nella sentenza 266/06 è illegittimo l'articolo 235 comma 1 n. 3 del cc., nella parte in cui, ai fini dell'azione di disconoscimento della paternità, subordina l'esame delle prove tecniche, da cui risulta "che il figlio presenta caratteristiche genetiche o del gruppo sanguigno incompatibili con quelle del presunto padre", alla previa dimostrazione dell'adulterio della moglie.

autore: