La scuola ai tempi del covid-19, di Michela Labriola

La scuola ai tempi del covid-19, di Michela Labriola

martedì, 5 maggio 2020
Dottrina | Scuola | Minori
La scuola ai tempi del covid-19. Michela Labriola per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

I settori più colpiti dalla pandemia, che hanno mostrato con l’emergenza le falle del sistema, sono quelli che riguardano l’intervento ed il sostegno dello Stato per la salvaguardia dei diritti primari: istruzione, sanità e welfare.

Pagando forse uno tra i prezzi più alti in questa invasione virale, il giorno 5 marzo 2020, gli studenti di tutt’Italia hanno smesso, senza alcun preavviso, di sedersi sui banchi di scuola. L’anno scolastico sta per finire e le “case dell’istruzione” non riapriranno.

In realtà, i bambini ed i ragazzi non hanno smesso di studiare perché la scuola è andata da loro, tuttavia, nonostante la bontà delle intenzioni istituzionali, sono affiorate, ancor più prepotentemente, le disuguaglianze sociali, economiche e culturali che affliggono il nostro Paese.

Il diritto all’istruzione, artt. 33 e 34 della Carta, che, come tanti altri diritti fondamentali della persona abbiamo conquistato nel dopoguerra, è obbligatorio e garantito dai 6 ai 16 anni.

Com’è noto il percorso che va dal diritto all’esercizio dello stesso, spesso, è ad ostacoli. L’interesse del minore è la pietra angolare su cui si è costruita tutela dei figli, di fatto, la mancanza di mezzi adeguati e la deprivazione culturale spuntano le armi all’esigenza di salvaguardia dei deboli, molti aiuti vengono forniti attraverso l’assistenzialismo, il volontariato sociale ed gli enti del terzo settore. 

La sperequazione sociale e di censo era già affiorata negli ultimi anni, con lo iato, sempre più evidente, tra licei e scuole professionalizzanti, tra quartieri, regioni, città e tipologia di impiego dei genitori.

segue

Focus on