Relazione sentimentale cessata e ripetuti messaggi WhatsApp, telefonate e appostamenti: giusta la condanna per molestie - Cass. Pen., Sez. I, Sent., 20 settembre 2022, n. 34821

Relazione sentimentale cessata e ripetuti messaggi WhatsApp, telefonate e appostamenti: giusta la condanna per molestie - Cass. Pen., Sez. I, Sent., 20 settembre 2022, n. 34821

Cass. Pen., Sez. I, Sent., 20 settembre 2022, n. 34821; Pres. Siani, Rel. Cons. Mele per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Ai fini della sussistenza del reato di molestie di cui all’art. 660 c.p.  mediante l'invio di sms e messaggi WhatsApp, ciò che rileva è il carattere invasivo della comunicazione non vocale, rappresentato dalla percezione immediata da parte del destinatario dell'avvertimento acustico che indica l'arrivo del messaggio, ma anche dalla percezione immediata e diretta del suo contenuto o di parte di esso, attraverso l'anteprima di testo che compare sulla schermata di blocco, realizzandosi in tal modo in concreto una diretta e immediata intrusione del mittente nella sfera delle attività del ricevente. Inoltre, il carattere invasivo della messaggistica telematica non può essere escluso per il fatto che il destinatario di messaggi non desiderati, inviati da un determinato utente (sgradito), possa evitarne agevolmente la ricezione, senza compromettere in alcun modo la propria libertà di comunicazione, semplicemente escludendo o bloccando il contatto indesiderato. (FF)


Molestie – Messaggi, telefonate non gradite – Appostamenti – In genere; Rif. Leg. Art 660 c.p.