Il legittimario che agisca in riduzione ha l'onere di indicare la lesione della sua quota di riserva - Tribunale Aosta, sent. 20 aprile 2022, n. 133

Il legittimario che agisca in riduzione ha l'onere di indicare la lesione della sua quota di riserva - Tribunale Aosta, sent. 20 aprile 2022, n. 133

In materia di successione testamentaria, il legittimario che agisca in riduzione ha l'onere d'indicare entro quali limiti sia stata lesa la sua quota di riserva, determinando con esattezza il valore della massa ereditaria, nonché quello della quota di legittima violata, dovendo, a tal fine, allegare e provare, anche ricorrendo a presunzioni semplici, purché gravi precise e concordanti, tutti gli elementi occorrenti per stabilire se, ed in quale misura, sia avvenuta la lesione della riserva, oltre che proporre, sia pure senza l'uso di formule sacramentali, espressa istanza di conseguire la legittima, previa determinazione della medesima mediante il calcolo della disponibile e la conseguente riduzione delle donazioni compiute in vita dal "de cuius". (VC)


Successioni – Legittimario - Lesione della quota di riserva - Rif. Leg. artt. 564, 747, 750, 751 cod.civ.