Le fattispecie di reato di cui all’art. 570 c.p. non sono in rapporto di progressione criminosa - Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 27 luglio 2022, n. 29926

Le fattispecie di reato di cui all’art. 570 c.p. non sono in rapporto di progressione criminosa - Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 27 luglio 2022, n. 29926

La S.C. ricorda altresì che l'omessa somministrazione dei mezzi di sussistenza in danno di più soggetti, ancorchè conviventi nello stesso nucleo familiare, non configura un unico reato, bensì una pluralità di reati in concorso formale o, ricorrendone i presupposti, in continuazione tra loro. E ciò, non solo perchè gli aventi diritto alla somministrazione dei mezzi di sussistenza sono soggetti che ricevono diretta tutela dalla norma incriminatrice e sono portatori di posizioni differenziate, ma anche perchè, rispetto ai diversi aventi diritto sono possibili adempimenti soggettivamente frazionati e, dunque, differenti eventi.

Francesca Ferrandi

Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 27 luglio 2022, n. 29926; Pres. Costanzo, Rel. Cons. Tripiccione per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

L’art. 570 c.p., è norma a più fattispecie, del tutto distinte, perché relative a fatti eterogenei nel loro sostrato fattuale ed altresì nella considerazione sociale; l’una, riconducibile al comma 1, inerisce alla violazione dei doveri di assistenza morale, che sono proiezione tipica dei doveri di cura che innervano la genitorialità (evocati, dalla prospettiva del figlio, dall’art. 315-bis c.c.) e sono preordinati allo sviluppo armonico della personalità del minore; l’altra, prevista dal comma 2, posta a presidio dei bisogni più strettamente materiali della persona, si sostanzia nella mancata somministrazione delle provvidenze economiche necessarie al loro soddisfacimento. Non vi è, dunque, tra i reati detti, stante la loro autonomia concettuale, relazione di implicazione, per cui possa dirsi che la mancata somministrazione dei mezzi di sussistenza presupponga necessariamente la violazione dei doveri di assistenza morale, così come non ricorrono i presupposti della progressione criminosa, non potendosi affermare che l'una condotta costituisca sempre la naturale evoluzione dell'altra. Essi reati possono dunque concorrere, ove ricorrano gli elementi costitutivi, oggettivi e soggettivi di entrambi. (FF)


Diritto penale della famiglia - Violazione degli obblighi di assistenza familiare; Rif. Leg. Art. 570 c.p.