Nuovi principi dalla Cassazione in materia di divisione ereditaria e scioglimento della comunione - Cass. Civ., Sez. II, Ord., 14 gennaio 2022, n. 1065

Nuovi principi dalla Cassazione in materia di divisione ereditaria e scioglimento della comunione - Cass. Civ., Sez. II, Ord., 14 gennaio 2022, n. 1065

sabato, 15 gennaio 2022
Giurisprudenza | Legittimità | Successioni
Cass. Civ., Sez. II, Ord., 14 gennaio 2022, n. 1065; Pres. Manna, Rel. Cons. Tedesco per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Quando non vi sia stato accordo tra i condividenti per limitare le operazioni divisionali ad un parte soltanto del compendio comune, il giudizio di divisione ereditaria deve ritenersi instaurato per giungere al completo scioglimento della comunione, previa esatta individuazione di tutto ciò che ne costituisca oggetto; conseguentemente, fermo il rispetto delle preclusioni tipiche del normale giudizio di cognizione, l’indicazione dei beni può essere fatta anche in un secondo tempo anche dal condividente che non abbia proposto la domanda, costituendo una tale indicazione una precisazione dell’unitaria istanza, comune a tutte le parti, rivolta allo scioglimento della comunione.
Nel giudizio di scioglimento della comunione, quando la situazione di comune appartenenza dei beni sia incontroversa tra i condividenti, il giudice d’appello, dinanzi al quale sia stata impugnata la sentenza di primo grado che abbia erroneamente dichiarato inammissibile la domanda di divisione, non può rigettare l’appello in base al rilievo che l’appellante non ha curato di estrarre copia della relazione notarile relativa agli immobili da dividere, già acquisita dinanzi al primo giudice, ma non rinvenibile nel fascicolo della parte che ne aveva curato la produzione. La documentazione mancante, infatti, non integra la prova di un fatto favorevole a una parte e sfavorevole all’altra, ma ridonda a vantaggio di tutti i condividenti, ai quali la domanda di divisione è comune; conseguentemente, il giudice di appello, qualora ritenga di non poter prescindere dalla suddetta documentazione, potrà ordinarne alle parti la produzione anche nel corso delle operazioni divisionali, venendo in considerazione solo l’esigenza di reiterare il riscontro documentale, già dato in primo grado, di una comune appartenenza pacifica e incontroversa.


Successioni – Divisione ereditaria – Scioglimento della comunione; Rif. Leg. Artt. 576 e 727 c.c.



Focus on