Abusiva occupazione di un bene immobile. Il mancato riconoscimento dello stato di necessità va motivato - Cass. Pen., Sez. II, sent. 16 dicembre 2021 n. 46054

Abusiva occupazione di un bene immobile. Il mancato riconoscimento dello stato di necessità va motivato - Cass. Pen., Sez. II, sent. 16 dicembre 2021 n. 46054

Cass. Pen., Sez. II, sent. 16 dicembre 2021 n. 46054 - Pres. Gallo, Cons. Rel. Recchione per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Si ha mancanza di motivazione ai sensi dell'art. 606 lett. e) c.p.p., non soltanto quando vi sia un difetto grafico della stessa, ma anche quando le argomentazioni addotte dal giudice a dimostrazione della fondatezza del suo convincimento siano prive di completezza in relazione a specifiche doglianze formulate dall'interessato con i motivi di appello e dotate del requisito della decisività; nè può ritenersi precluso al giudice di legittimità, ai sensi della disposizione suddetta, l'esame dei motivi di appello al fine di accertare la congruità e la completezza dell'apparato argomentativo adottato dal giudice di secondo grado con riferimento alle doglianze mosse alla decisione impugnata, rientrando nei compiti attribuiti dalla legge alla Corte di cassazione la disamina della specificità o meno delle censure formulate con l'atto di appello quale necessario presupposto dell'ammissibilità del ricorso proposto davanti alla stessa Corte. L'abusiva occupazione di un bene immobile è scriminata dallo stato di necessità conseguente al pericolo di danno grave alla persona, che ben può consistere anche nella compromissione del diritto di abitazione ovvero di altri diritti fondamentali della persona riconosciuti e garantiti dall'art. 2 Cost., sempre che ricorrano, per tutto il tempo dell'illecita occupazione, gli altri elementi costitutivi della scriminante, quali l'assoluta necessità della condotta e l'inevitabilità del pericolo; ne consegue che la stessa può essere invocata solo in relazione ad un pericolo attuale e transitorio e non per sopperire alla necessità di reperire un alloggio al fine di risolvere in via definitiva la propria esigenza abitativa. (Annulla con rinvio, Corte d'Appello di Messina, sent. 26/02/2020)

Diritto penale - Cause di giustificazione - Stato di necessita' - Occupazione abusiva - Stato di necessità - Operatività - Condizioni - Limiti - Rif. Leg. art. 131 bis cod. pen.

Focus on