Stalking: è sufficiente che le condotte comportino una crescente invasione della sfera psichica della vittima - Cass. Pen., Sez. V, Sent., 22 novembre 2021, n. 42659

Stalking: è sufficiente che le condotte comportino una crescente invasione della sfera psichica della vittima - Cass. Pen., Sez. V, Sent., 22 novembre 2021, n. 42659

martedì, 23 novembre 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Maltrattamenti e stalking
Cass. Pen., Sez. V, Sent., 22 novembre 2021, n. 42659; Pres. Pezzullo, Rel. De Marzo per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Ai fini della integrazione del reato di atti persecutori non si richiede l'accertamento di uno stato patologico, ma è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori abbiano un effetto destabilizzante della serenità e dell'equilibrio psicologico della vittima, considerato che la fattispecie incriminatrice di cui all'art. 612-bis c.p. non costituisce una duplicazione del reato di lesioni (art. 582 c.p.), il cui evento è configurabile sia come malattia fisica che come malattia mentale e psicologica.


Delitti contro la persona - Delitti contro la libertà individuale - In genere - Atti persecutori - Accertamento di uno stato patologico - Necessità - Esclusione- Ragioni; Rif. Leg. Art. 612-bis c.p.

Focus on