La convivenza dell’ex moglie nell'abitazione familiare con persona dello stesso sesso legittima comunque l’assegnazione della casa coniugale - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 11 novembre 2021, n. 33610

La convivenza dell’ex moglie nell'abitazione familiare con persona dello stesso sesso legittima comunque l’assegnazione della casa coniugale - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 11 novembre 2021, n. 33610

Cass. Civ., Sez. I, Ord., 11 novembre 2021, n. 33610 – Pres. De Chiara; Cons. Rel. Lamorgese per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

L'assegnazione al genitore collocatario di figli minori della casa familiare (nella specie, in comproprietà delle parti) che abbia costituito il centro di aggregazione della famiglia durante la convivenza, è dettata nell'esclusivo interesse della prole e risponde all'esigenza di conservare l'"habitat" domestico, inteso come centro degli affetti, degli interessi e delle consuetudini in cui si esprime e si articola la vita familiare. L'instaurata convivenza dell’ex moglie nell'abitazione familiare con altra persona, quantunque dello stesso sesso, deve essere valutata dai giudici di merito nell'ottica esclusiva dell'interesse del minore.

  Separazione dei coniugi – Assegnazione della casa familiare – Interesse del minore – Rif. Leg. artt.  148, 316 – bis, 337 - ter e 337-sexies cod. civ.; art. 709 - ter c.p.c.; art. 6 Legge 1 dicembre 1970 n. 898

Focus on