La pensione di reversibilità al coniuge divorziato all’esame delle Sezioni Unite - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 29 ottobre 2021, n. 30750

La pensione di reversibilità al coniuge divorziato all’esame delle Sezioni Unite - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 29 ottobre 2021, n. 30750

mercoledì, 3 novembre 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Divorzio
Cass. Civ., Sez. I, Ord., 29 ottobre 2021, n. 30750; Pres. Genovese, Rel. Cons. Caradonna per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La Prima Sezione civile ha rimesso gli atti al Primo Presidente per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite civili della seguente questione controversa: se il coniuge divorziato abbia o meno diritto alla pensione di reversibilità, o ad una sua quota, quando il diritto all'assegno divorzile non venga riconosciuto giudizialmente (sia nella sua esistenza, sia nel suo ammontare), per la sopravvenuta morte del coniuge obbligato, pur essendo passata in giudicato la statuizione sullo status di divorziato assunta con sentenza non definitiva, non senza tacere degli ulteriori risvolti in tema di legittimazione processuale e sostanziale dell'altro coniuge e degli eredi del coniuge deceduto e di riassunzione del processo nei loro confronti.


Divorzio - Assegno di divorzio – Pensioni; Rif. Leg. L. n. 898 del 1970 art. 5, comma 6

Focus on