Violenza sessuale mediante abuso delle condizioni di inferiorità fisica o psichica - Cass. Pen., Sez. III, Sent., 13 ottobre 2021, n. 37129

Violenza sessuale mediante abuso delle condizioni di inferiorità fisica o psichica - Cass. Pen., Sez. III, Sent., 13 ottobre 2021, n. 37129

lunedì, 18 ottobre 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Violenza
Cass. Pen., Sez. III, Sent., 13 ottobre 2021, n. 37129; Pres. Rosi, Rel. Cons. Di Stasi per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

In tema di violenza sessuale su persona che si trova in stato di inferiorità fisica o psichica, l'induzione a compiere o a subire atti sessuali si realizza quando, con un comportamento attivo di persuasione sottile e subdola, l'agente spinge, istiga o convince la vittima ad aderire ad atti sessuali che diversamente non avrebbe compiuto. Indurre ad un atto sessuale mediante abuso delle condizioni di inferiorità psichica altro non è che approfittare delle condizioni di inferiorità psichica e l'abuso si verifica quando le condizioni di inferiorità vengono strumentalizzate per accedere alla sfera intima della sessualità della persona, che a causa della sua vulnerabilità connessa all'infermità psichica, viene ad essere utilizzata quale mezzo per soddisfare le voglie sessuali dell'autore del comportamento di induzione.


Violenza sessuale – Delitti contro la persona; Rif. Leg. Art. 609-bis c.p.

Focus on