Danno causato ai genitori e copertura assicurativa - Cass. Civ., Sez. VI - 3, Ord., 23 settembre 2021, n. 25849

Danno causato ai genitori e copertura assicurativa - Cass. Civ., Sez. VI - 3, Ord., 23 settembre 2021, n. 25849

Nel caso di specie, una madre ha subito danni per essere stata fatta cadere per terra dal cane di suo figlio, svincolatosi improvvisamente dal guinzaglio. Poiché la compagnia assicurativa, che garantiva copertura per i predetti danni non ha inteso risarcirla, la signora ha citato in giudizio il figlio, che ha chiamato a garanzia l’Assicurazione, la quale si è costituita ed ha eccepito che il danno causato ai genitori era escluso dalla copertura assicurativa. La clausola del cui significato si discute, nell'individuare i soggetti che non sono considerati terzi, così li elenca: "il coniuge, i genitori, i figli delle persone di cui al punto a), gli altri parenti ed affini con loro conviventi, nonché gli addetti ai servizi domestici". Il Tribunale ha accolto la domanda, sul presupposto che l'esclusione dei genitori valeva solo ove fossero conviventi, cosi intendendo l'articolo delle condizioni di polizza, mentre, al contrario, la Corte di Appello di Roma, ha ritenuto che i genitori non fossero da considerare come terzi danneggiati, a prescindere dalla loro convivenza con il danneggiante, ossia che, in base a quella clausola, i danni causati ai genitori, fossero, per l'appunto, sempre e comunque esclusi dalla copertura.


Francesca Ferrandi

martedì, 28 settembre 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Responsabilità civile
Cass. Civ., Sez. VI - 3, Ord., 23 settembre 2021, n. 25849; Pres. Amendola, Rel. Cons. Cricenti per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Nell'interpretazione del contratto di assicurazione, che va redatto in modo chiaro e comprensibile, il giudice non può attribuire a clausole polisenso uno specifico significato, pur teoricamente non incompatibile con la loro lettera, senza prima ricorrere all'ausilio di tutti gli altri criteri di ermeneutica previsti dagli artt. 1362 c.c. e ss., e, in particolare, a quello dell'interpretazione contro il predisponente, di cui all’art. 1370 c.c.


Responsabilità civile – Copertura assicurativa – Interpretazione delle clausole contrattuali - Danni causato ai genitori; Rif. Leg. Artt. 1362, 1370 c.c.

Focus on