Sì all’assegno di maternità e di natalità ai cittadini di paesi terzi che soggiornano legalmente in Italia - CGUE, sentenza 2 settembre 2021, causa C-350/20

Sì all’assegno di maternità e di natalità ai cittadini di paesi terzi che soggiornano legalmente in Italia - CGUE, sentenza 2 settembre 2021, causa C-350/20

I cittadini di paesi terzi titolari di un permesso unico di lavoro ottenuto in forza della normativa italiana che recepisce una direttiva dell’Unione hanno il diritto di beneficiare di un assegno di natalità e di un assegno di maternità quali previsti dalla normativa italiana.

Corte di Giustizia UE, sentenza 2 settembre 2021 nella causa C-350/20  O. D. e a./Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS). per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

L’articolo 12, paragrafo 1, lettera e), della direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda per il rilascio di un permesso unico che consente ai cittadini di paesi terzi di soggiornare e lavorare nel territorio di uno Stato membro e a un insieme comune di diritti per i lavoratori di paesi terzi che soggiornano regolarmente in uno Stato membro, deve essere interpretato nel senso che esso osta a una normativa nazionale che esclude i cittadini di paesi terzi di cui all’articolo 3, paragrafo 1, lettere b) e c), di tale direttiva dal beneficio di un assegno di natalità e di un assegno di maternità previsti da detta normativa.


Diritto comunitario – Diritto internazionale – Diritti della persona – Assegno di maternità – Assegno di natalità; Rif. Leg. Dir. UE 2011/98; L. 190/2014

 

Focus on