Cause relative alle dichiarazioni di adottabilità ed esclusione dell'operatività della sospensione dei termini processuali durante il lockdown - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 23 agosto 2021, n. 23317

Cause relative alle dichiarazioni di adottabilità ed esclusione dell'operatività della sospensione dei termini processuali durante il lockdown - Cass. Civ., Sez. I, Ord., 23 agosto 2021, n. 23317

mercoledì, 25 agosto 2021
Giurisprudenza | Processo civile | covid-19 | Adozione | Legittimità
Cass. Civ., Sez. I, Ord., 23 agosto 2021, n. 23317; Pres. Scaldaferri, Rel. Cons. Mercolino per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

L’art. 83, comma 2, del D.L. 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla L. 24 aprile 2020, n. 27, e prorogata dal D.L. 8 aprile 2020, n. 23, art. 36, comma 1, convertito con modificazioni dalla L. 5 giungo 2020, n. 40, nel disporre la sospensione dal 9 marzo al 15 aprile 2020 (termine poi prorogato all'11 maggio 2020 dall'art. 36, comma 1, cit.) del decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali, nonché il differimento della decorrenza dei termini che abbiano avuto inizio durante il periodo di sospensione (comma 2), ha fatto salve una serie di ipotesi, elencate al comma 3, nelle quali le predette disposizioni non operano: tra le stesse, il comma 3, lett. A include specificamente le "cause di competenza del tribunale per i minorenni relative alle dichiarazioni di adottabilità, ai minori non accompagnati, ai minori allontanati dalla famiglia ed alle situazioni di grave pregiudizio", nonché "tutti i procedimenti la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti". La disciplina dettata dall'art. 83 cit. costituisce il frutto di un bilanciamento operato dal legislatore tra l'esigenza di certezza del diritto e di ragionevole durata del processo, della quale costituiscono espressione anche le norme che stabiliscono i termini per le impugnazioni, e quella di tutela del diritto di difesa delle parti, ostacolato nel suo esercizio dalle restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria. Tale bilanciamento, nella materia concernente gli interessi dei minori e, più in generale, la tutela dei diritti fondamentali delle persone, è ragionevolmente attuato dalla norma in esame mediante l'esclusione dell'operatività della sospensione, non subordinata ad una valutazione del caso concreto da parte del capo dell'ufficio giudiziario, come previsto per "tutti i procedimenti la cui ritardata trattazione può produrre grave pregiudizio alle parti", ma disposta in via astratta e preventiva dalla legge, sull'evidente presupposto del coinvolgimento in tali controversie d'interessi di primario rilievo costituzionale, che rimarrebbero inevitabilmente pregiudicati dal ritardo nella definizione dei relativi procedimenti.

Adozione – Stato di adottabilità – Termini per impugnare – Sospensione – Esclusione – Covid19; Rif. Leg. Art. 83, comma 2, del D.L. 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla L. 24 aprile 2020, n. 27.

 



 

Focus on