L’interesse del minore non legittima l’estensione automatica delle norme P.M.A. ad ipotesi estranee al suo ambito - Cass. Civ., Sez. I, sent. 23 agosto 2021 n. 23320

L’interesse del minore non legittima l’estensione automatica delle norme P.M.A. ad ipotesi estranee al suo ambito - Cass. Civ., Sez. I, sent. 23 agosto 2021 n. 23320

Cass. Civ., Sez. I, sent. 23 agosto 2021 n. 23320 – Pres. Genovese, Cons. Rel. Mercolino per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il riconoscimento di un minore concepito mediante il ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo da parte di una donna legata con quella che lo ha partorito, ma non avente alcun legame biologico con il minore, si pone in contrasto con l'art. 4, comma 3, della legge n. 40 del 2004 e con l'esclusione del ricorso alle predette tecniche da parte delle coppie omosessuali, non essendo consentita, al di fuori dei casi previsti dalla legge, la realizzazione di forme di genitorialità svincolate da un rapporto biologico, con i medesimi strumenti giuridici previsti per il minore nato nel matrimonio o riconosciuto. Questa posizione non viene ritenuta dalla Corte in contrasto con la giurisprudenza della Corte EDU, la quale ha escluso la possibilità di ravvisare un trattamento discriminatorio nella legge nazionale che attribuisca alla PMA finalità esclusivamente terapeutiche riservando il ricorso a tali tecniche alle coppie eterosessuali sterili, atteso che in tale materia gli Stati godono di un ampio margine di apprezzamento, soprattutto con riguardo a quei profili in relazione ai quali in Europa vi sono diversità di vedute. (Nel caso in esame, sono stati accolti il terzo, il quarto e il quinto motivo di ricorso presentati dal Ministero.)

Coppie dello stesso sesso - Rettificazione atti stato civile – PMA – Procreazione eterologa –Interesse del minore -  Rif. Leg. artt. 250, 269 e  449 cod. civ.; artt. 5, 6 e 8 Legge 19 febbraio 2004 n. 40; artt. 29, 30, 42 44 e 95 D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396; artt. 16 e 65 Legge 31 maggio 1995 n. 218; Legge 20 maggio 2016 n. 76; artt. 2, 3, 24 e 117 Cost.

Focus on