Divorzio: l’assegno di mantenimento del figlio deve tener conto del tenore di vita dallo stesso goduto in costanza di convivenza - Cass. Civ., Sez. VI-1, Ord., 9 agosto 2021, n. 22515

Divorzio: l’assegno di mantenimento del figlio deve tener conto del tenore di vita dallo stesso goduto in costanza di convivenza - Cass. Civ., Sez. VI-1, Ord., 9 agosto 2021, n. 22515

Cass. Civ., Sez. VI-1, Ord., 9 agosto 2021, n. 22515; Pres. Acierno, Rel. Cons. Parise per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli, stabilito dall’art. 147 c.c., obbliga i coniugi a far fronte ad una molteplicità di esigenze, non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma estese all'aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, all'assistenza morale e materiale ed all'opportuna predisposizione di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione. Tale principio trova conferma nel nuovo testo dell’art. 155 c.c., come sostituito dall'art. 1 della legge 8 febbraio 2006, n. 54, il quale, nell'imporre a ciascuno dei coniugi l'obbligo di provvedere al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito, individua, quali elementi da tenere in conto nella determinazione dell'assegno, oltre alle esigenze del figlio, il tenore di vita dallo stesso goduto in costanza di convivenza e le risorse economiche dei genitori, nonchè i tempi di permanenza presso ciascuno di essi e la valenza economica dei compiti domestici e di cura da loro assunti.


Divorzio – Figli minori – Tenore di vita - Assegno di mantenimento; Rif. Leg. L. div. 898/1970,  Artt. 147 e 337-ter c.c.

Focus on