Quale confine fra il reato di maltrattamenti e quello di atti persecutori? - Cass. Pen., Sez. VI,  sent. 2 agosto 2021 n. 30129

Quale confine fra il reato di maltrattamenti e quello di atti persecutori? - Cass. Pen., Sez. VI, sent. 2 agosto 2021 n. 30129

Cass. Pen., Sez. VI,  sent. 2 agosto 2021 n. 30129 - Pres. Petruzzellis , Cons. Rel. Bassi per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Le condotte vessatorie realizzate in caso di cessazione della convivenza con la vittima, sia nel caso di separazione legale o di divorzio, sia nel caso di interruzione della convivenza allorché si tratti di relazione di fatto, integrano il reato di maltrattamenti in famiglia e non anche quello di atti persecutori, allorché i vincoli di solidarietà derivanti dal precedente rapporto intercorso tra le parti non più conviventi, nascenti dal coniugio, dalla relazione more uxorio o dalla filiazione, permangano integri o comunque solidi ed abituali nonostante il venir meno della convivenza.

Maltrattamenti - Stalking- Rif. Leg. art. 572 e 612- bis cod. pen.

Focus on