Comunicato Ondif sui fatti di Santa Maria Capua Vetere

Comunicato Ondif sui fatti di Santa Maria Capua Vetere

L’ONDIF (osservatorio nazionale sul diritto di famiglia) in persona del presidente Prof. Avv. Claudio Cecchella, dei membri dell’esecutivo nazionale, tra i quali, la Consigliera di parità della Regione Molise, avv. Giuseppina Cennamo, preso atto dei gravi fatti che si sono consumati in data 6/04/2020 nel carcere di S.Maria C.V. a danni dei detenuti da parte degli agenti di custodia, manifestano ferma riprovazione e sentita preoccupazione per l’offesa alla dignità e al pudore delle persone recluse e per la violazione del principio costituzionale che richiama al senso di umanità. Il lavoro che gli agenti di polizia penitenziaria svolgono è certamente difficile, ma i comportamenti violenti perpetrati a danni dei detenuti, condannati o in attesa di giudizio, non possono mai essere giustificati , perché trattasi di persone fragili anche a ragione del loro stato di recluse e, dunque, la loro posizione va maggiormente tutelata e non discriminata. Ondif, Associazione specialistica nel diritto delle persone, delle relazioni familiari e dei minori, non cesserà mai di perseguire la finalità del rigoroso rispetto dello stato di diritto, della tutela dei diritti delle persone fragili e della tutela della dignità della persona.

Focus on