Il padre non può impedire alla ex compagna infedele di esercitare le sue facoltà nei riguardi dei figli - Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 04 giugno 2021, n. 22086

Il padre non può impedire alla ex compagna infedele di esercitare le sue facoltà nei riguardi dei figli - Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 04 giugno 2021, n. 22086

Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 04 giugno 2021, n. 22086; Pres. Mogini, Rel. Cons. Silvestri per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La Cassazione ha annullato con rinvio per nuovo giudizio la sentenza con cui la Corte di appello di Napoli, in riforma della sentenza di condanna, aveva assolto un padre dal reato di cui all’art. 574 c.p. Gli Ermellini hanno evidenziato come l'obbligo della motivazione rinforzata si impone per il giudice di appello tutte le volte in cui ritenga di ribaltare la decisione del giudice di primo grado, sia assolutoria che di condanna. Nel caso di specie, al contrario, non risultava affatto chiaro: a) perchè l'infedeltà della donna avrebbe dovuto legittimare l'imputato ad eliminare ogni rapporto di questa con i figli, anche per il periodo in cui non vi era nessun provvedimento che a fare ciò lo legittimasse; b) quale sarebbe stato il "reciproco" clima conflittuale e perchè la conflittualità avrebbe dovuto impedire alla donna di avere contatti con i propri figli; c) perchè sarebbero inattendibili le dichiarazioni della donna; d) perchè non avrebbero capacità dimostrativa degli assunti accusatori le dichiarazioni degli altri testimoni ed i documenti che avevano messo in evidenza il comportamento ostruzionistico dell'imputato.


DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA – Sottrazione di persone incapaci – Sottrazione delle figli minori; Rif. Leg. Art. 574 c.p.

Focus on