Sopraffazioni e umiliazioni nei confronti della moglie: marito condannato per maltrattamenti - Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 11 maggio 2021, n. 18316

Sopraffazioni e umiliazioni nei confronti della moglie: marito condannato per maltrattamenti - Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 11 maggio 2021, n. 18316

Cass. Pen., Sez. VI, Sent., 11 maggio 2021, n. 18316; Pres. Bricchetti, Rel. Cons. Giordano per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

I maltrattamenti in famiglia integrano un'ipotesi di reato necessariamente abituale che si caratterizza per la sussistenza di comportamenti che acquistano rilevanza penale per effetto della loro reiterazione nel tempo. Tali comportamenti possono consistere in percosse, lesioni, ingiurie, minacce, privazioni e umiliazioni imposte alla vittima, ma anche in atti di disprezzo e di offesa alla sua dignità, che si risolvano in vere e proprie sofferenze morali. In ogni caso, si deve trattare di comportamenti idonei ad imporre alla persona offesa un regime di vita vessatorio, mortificante e insostenibile.

DIRITTO PENALE DELLA FAMIGLIA – Maltrattamenti in famiglia; Rif. Leg. Art. 572 c.p.

 

Focus on