Assegno divorzile e convivenza. Rinvio alla Pubblica udienza in attesa della decisione delle SU - Cass. Civ., Sez. VI-1, ord. interl. 7 aprile 2021 n. 9273

Assegno divorzile e convivenza. Rinvio alla Pubblica udienza in attesa della decisione delle SU - Cass. Civ., Sez. VI-1, ord. interl. 7 aprile 2021 n. 9273

Rinvio alla Pubblica udienza in attesa della decisione delle SU in merito al venir meno dell'assegno in caso di instaurazione di una nuova convivenza.

mercoledì, 7 aprile 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Convivenze | Divorzio
Cass. Civ., Sez. VI-1, ord. interl. 7 aprile 2021 n. 9273 – Pres. Acierno, Cons. Rel. Iofrida per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Le censure poste nel ricorso principale risultano essere attinenti alla questione posta con l’ordinanza interlocutoria n. 18995 del 2020 che ha sollecitato l'intervento delle Sezioni Unite per stabilire se, instaurata la convivenza di fatto, definita all'esito di un accertamento pieno su stabilità e durata della nuova formazione sociale, il diritto dell'ex coniuge, sperequato nella posizione economica, all'assegno divorzile si estingua comunque per un meccanismo ispirato ad automatismo, nella parte in cui prescinde di vagliare le finalità proprie dell'assegno, o se siano invece praticabili altre scelte interpretative che, guidate dalla obiettiva valorizzazione del contributo dato dall'avente diritto al patrimonio della famiglia e dell'altro coniuge, sostengano la perdurante affermazione dell'assegno divorzile, negli effetti compensativi suoi propri, anche, se del caso, per una modulazione da individuarsi, nel diverso contesto sociale di riferimento.


Assegno divorzile – Convivenza – Rif. Leg. L. n. 898 del 1970, art. 5, comma 10; L. n. 76 del 2016, art. 1, comma 65

Focus on