E’ donazione indiretta l’elargizione di denaro da parte dei genitori per l’acquisto di un immobile per la figlia - Trib. di Reggio Calabria, Sez. I, sent. 21 agosto 2020 n. 754

E’ donazione indiretta l’elargizione di denaro da parte dei genitori per l’acquisto di un immobile per la figlia - Trib. di Reggio Calabria, Sez. I, sent. 21 agosto 2020 n. 754

Ai fini della configurabilità della donazione indiretta d'immobile, è necessario che il denaro venga corrisposto dal donante al donatario allo specifico scopo dell'acquisto del bene o mediante il versamento diretto dell'importo all'alienante o mediante la previsione della destinazione della somma donata al trasferimento immobiliare.
Riscontrato nella specie lo schema tipico della donazione indiretta, avuto anche riguardo alla qualità dei soggetti protagonisti della vicenda (i genitori da una parte e la figlia e il genero dall’altra), è stata dichiarata inammissibile la domanda di indebito arricchimento ex art. 2041 e ss. c.c. proposta in via subordinata dagli attori.

giovedì, 25 marzo 2021
Giurisprudenza | Donazione | Merito
Sezione Ondif di Reggio Calabria
Trib. di Reggio Calabria, Sez. I, sent. 21 agosto 2020 n. 754 – Pres. Campagna per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Nella donazione indiretta la liberalità si realizza, anziché attraverso il negozio tipico di donazione, mediante il compimento di uno o più atti che, conservando la forma e la causa che è ad essi propria, realizzano, in via indiretta, l'effetto dell'arricchimento del destinatario, sicchè l'intenzione di donare emerge non già, in via diretta, dall'atto o dagli atti utilizzati, ma solo, in via indiretta, dall'esame, necessariamente rigoroso, di tutte le circostanze di fatto del singolo caso, nei limiti in cui risultino tempestivamente e ritualmente dedotte e provate in giudizio da chi ne abbia interesse. Donazione indiretta – Genitori – indebito arricchimento - Esclusione – Rif. Leg. artt. 769, 809 e 2041 cod. civ.

Focus on