Conto corrente cointestato: i coniugi sono debitori e creditori solidali - Cass. Civ., Sez. II, Ord., 23 febbraio 2021, n. 4838

Conto corrente cointestato: i coniugi sono debitori e creditori solidali - Cass. Civ., Sez. II, Ord., 23 febbraio 2021, n. 4838

domenica, 28 febbraio 2021
Giurisprudenza | Legittimità | Successioni
Cass. Civ., Sez. II, Ord., 23 febbraio 2021, n. 4838; Pres. Di Virgilio, Cons. Rel. Tedesco per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La cointestazione di un conto corrente tra coniugi attribuisce agli stessi, ex art. 1854 c.c., la qualità di creditori o debitori solidali dei saldi del conto, sia nei confronti dei terzi che nei rapporti interni, e fa presumere la contitolarità dell'oggetto del contratto; tale presunzione dà luogo ad una inversione dell'onere probatorio che può essere superata attraverso presunzioni semplici - purché gravi, precise e concordanti - dalla parte che deduca una situazione giuridica diversa da quella risultante dalla cointestazione stessa. Pertanto, ove il saldo attivo del conto cointestato a due coniugi risulti discendere dal versamento di somme di pertinenza di uno soltanto di essi, si deve escludere che l'altro coniuge, nel rapporto interno, possa avanzare diritti sul saldo medesimo.

 

Focus on