L'amministrazione di sostegno è misura che può sostituire efficacemente l'interdizione. Tribunale di Bologna, 30 novembre 2020

L'amministrazione di sostegno è misura che può sostituire efficacemente l'interdizione. Tribunale di Bologna, 30 novembre 2020

si ringrazia l'Avv. Valeria Mazzotta responsabile Ondif sezione bolognese

giovedì, 4 febbraio 2021
Giurisprudenza | Interdizione e inabilitazione | Amministrazione di Sostegno | Merito
Sezione Ondif di Bologna
Tribunale di Bologna, Est. D'Addabbo, sentenza del 30.11.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Un disturbo di personalità, anche di grado severo, non esclude l'efficacia della misura di protezione dell'amministrazione di sostegno.

A seguito dell'introduzione dell'amministrazione di sostegno l'inabilitazione e l'interdizione sono divenute misure residuali, alle quali ricorrere solo allorché sia necessario ad assicurare alla persona una protezione adeguata.

Spetterà al Giudice Tutelare, al quale gli atti sono trasmessi ai sensi dell'art. 429 c.c., provvedere alla nomina dell'amministratore di sostegno in sostituzione del tutore che rimane in carica sino ad allora.



AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO – interdizione – procedimento di revoca – trasmissione atti al GT.

Rif. Leg.: L. 9 gennaio 2004, n. 9, artt. 405, 407, 408, 410, 429 c.c.

Focus on