Lecito negare il diritto di visita al genitore, se non è nell’interesse del minore - CEDU, Cinquième Section, caso Honner c. France del 12 novembre 2020

Lecito negare il diritto di visita al genitore, se non è nell’interesse del minore - CEDU, Cinquième Section, caso Honner c. France del 12 novembre 2020

Lecito negare il diritto di visita al genitore, se non è nell’interesse del minore

venerdì, 13 novembre 2020
Giurisprudenza | CEDU | Minori | Unioni civili
CEDU, Cinquième Section, caso Honner c. France del 12 novembre 2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La ricorrente, madre intenzionale di un bambino avuto con la compagna con la quale è stata unita civilmente per quattro anni, lamentava che non le fosse stato concesso il diritto di visita del figlio (diritto questo espressamente riconosciuto dal codice civile francese), della sua ex partner, violando il suo diritto al rispetto della sua vita familiare. La Corte di Strasburgo ha rigettato l’istanza confermando la correttezza dell’assunto della Corte d'Appello francese secondo la quale i violenti e continui litigi fra le due donne non tutelavano adeguatamente l’interesse del bambino, particolarmente fragile perché malato. La Corte ricorda che rientra nella discrezionalità degli Stati membri regolare il regime delle prove, a condizione che non lo facciano arbitrariamente, e che spetta ai tribunali nazionali valutare il valore probatorio degli elementi loro sottoposti che nel caso di specie, è stato correttamente eseguito dal Giudice francese.

Unioni civili - Interesse del minore – Rif. Leg. Art. 8 CEDU

Focus on