Reviviscenza dell'assegno di mantenimento a favore del figlio maggiorenne. Corte d'Appello di Bologna, 16 ottobre 2020

Reviviscenza dell'assegno di mantenimento a favore del figlio maggiorenne. Corte d'Appello di Bologna, 16 ottobre 2020

martedì, 3 novembre 2020
Giurisprudenza | Mantenimento dei figli | Figli maggiorenni | Merito
Sezione Ondif di Bologna
Corte d'Appello di Bologna, Est. Benassi, decreto 16.10.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

La complessa vicenda vedeva la figlia maggiorenne, già madre, beneficiaria di un mantenimento a carico del padre, lasciare l'abitazione della madre per rifugiarsi presso il padre. Alla richiesta di modifica delle condizioni del divorzio presentata da quest'ultimo, diretta al riconoscimento a suo favore di un contributo al mantenimento della figlia, questa effettuava intervento adesivo opponendosi alle  difese della madre e chiedendo a sua volta il contributo.
Il tribunale felsineo revocava l'assegno a carico del padre e poneva a carico della madre il solo rimborso del 50% delle spese straordinarie per la figlia, tenuto conto che la stessa nel frattempo era stata assunta con contratto part time.
Reclamavano il provvedimento del giudice di prime cure sia il padre sia la figlia, deducendo che nel frattempo il rapporto di lavoro di costei non era proseguito, di talché non poteva dirsi raggiunta l'indipendenza economica e chiedendo porsi a carico della madre un contributo al mantenimento nell'ordine dei 250 euro.
Il Giudice di seconde cure nella sua motivazione tiene conto dell'evolversi della situazione nel corso del giudizio, del fatto che la figlia maggiorenne non ha ancora reperito una nuova occupazione, del fatto che al suo mantenimento provvede il solo padre e per l'effetto ripristina l'assegno ordinario di mantenimento a far data dall'aprile 2020, nonostante richiami anche Cass. 17183/2020.
Tenuto conto delle rispettive scarse risorse delle parti, la Corte quantifica l'assegno in euro 100 mensili, oltre al 50% delle spese straordinarie.


* Si ringrazia l'Avv. Federica Bodini associata Ondif del Foro di Mantova.

Focus on