Affido esclusivo se non c'è la collaborazione dell'altro genitore. Tribunale di Vicenza, 26 giugno 2020

Affido esclusivo se non c'è la collaborazione dell'altro genitore. Tribunale di Vicenza, 26 giugno 2020

sabato, 10 ottobre 2020
Giurisprudenza | Responsabilità civile | Mantenimento | Divorzio | Affidamento dei figli | Merito
sezione di Vicenza
Tribunale di Vicenza, II Sez., Est. Caparelli, sentenza 26.06.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Giudizio di divorzio. Affidamento dei figli. Assegno di divorzio. Domande di risarcimento del danno.

Il provato disinteresse del padre per i figli comporta l'affidamento esclusivo dei figli alla madre. L'affido condiviso presuppone la costante collaborazione fra i genitori. L'ipotesi suggerita dal CTU - affido condiviso, ma decisioni su scuola e sport attribuite alla madre - è farraginosa e di difficile applicazione. L'affido esclusivo ha solo la funzione di consentire al genitore affidatario esclusivo di esercitare la responsabilità genitoriale nell'interesse della prole.

Nell'assegno di divorzio post Cass. SSUU 18287/2018 è prevalente la funzione equilibratrice-perequativa. Tuttavia, superato il criterio del tenore di vita, l'assegno divorzile non può avere la funzione di pareggiare le condizioni degli ex coniugi laddove esse sarebbero state comunque diverse in assenza delle nozze. Diversamente opinando si attribuirebbe al matrimonio un compito del tutto incompatibile con la natura dell’istituto, a favore di scelte matrimoniali basate sulla convenienza economica.

Domanda di risarcimento del danno endofamiliare da lesione della dignità ed integrità psicofisica. Inammissibile per impossibilità di cumulo di domande soggette a riti diversi.


* Si ringrazia l'avv. Roberta Ruggeri, responsabile Ondif sezione vicentina.

Focus on