La sperequazione è elemento diverso dal tenore di vita. Corte d'Appello di Bologna, 15 settembre 2020

La sperequazione è elemento diverso dal tenore di vita. Corte d'Appello di Bologna, 15 settembre 2020

sabato, 26 settembre 2020
Giurisprudenza | Mantenimento | Divorzio | Merito
sezione di Bologna
Corte d'Appello di Bologna, I sez., Est. Montanari, sentenza 15.09.2020 per visualizzare l'allegato è necessario autenticarsi

Ove accada che l’assegno divorzile deve assolvere anche la funzione compensativa-perequativa dell’impegno profuso dalla moglie per l’accudimento e la cura dei figli e della casa, perché sono provati la sperequazione reddituale e patrimoniale, da un lato, e dall'altro il nesso tra tale sperequazione ed i ruoli endo-familiari svolti dalle parti in costanza di matrimonio, l’ammontare dell’assegno divorzile deve essere parametrato in primis all’entità di tale sperequazione che è dato diverso dal tenore di vita avuto dai coniugi in costanza di matrimonio.

In tali casi, considerati i benefici attribuiti in sede di separazione (tra cui l’assegnazione della casa famigliare poi venuta meno) e il lungo periodo trascorso tra separazione e divorzio, l’importo dell’assegno divorzile può essere superiore a quello del contributo al mantenimento stabilito in sede di separazione.



* Si ringrazia l'avv. Valeria Mazzotta, presidente sezione di Bologna e componente comitato esecutivo Ondif.

Focus on