Il diritto di abitazione del coniuge superstite non è condizionato dalla qualità di erede. Tribunale Palermo, sez. II civ., sentenza 20 luglio 2020, n. 2315. Dott.ssa Santina Adelfio

Il diritto di abitazione del coniuge superstite non è condizionato dalla qualità di erede. Tribunale Palermo, sez. II civ., sentenza 20 luglio 2020, n. 2315. Dott.ssa Santina Adelfio

Il diritto di abitazione spettante al coniuge superstite non è subordinato alla qualità di erede e non ha funzione di tutela della legittima. Tale diritto conia un nuovo lemma famiglia teso ad una parificazione dei coniugi sul piano patrimoniale e su quello etico e sentimentale, sul presupposto che la ricerca di un nuovo alloggio per il coniuge superstite potrebbe essere fonte di un grave danno psicologico e morale per la stabilità delle abitudini di vita della persona.

Focus on